Liuteriaitalia

Forum dedicato alla Liuteria amatoriale,per chi ama costruire uno strumento da sè e suonarlo
Oggi è 12/12/2018, 18:55

Tutti gli orari sono UTC


Regole del forum


Clicca per leggere le regole del forum



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Tamburello e Vinavil
MessaggioInviato: 26/08/2018, 12:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/06/2014, 19:21
Messaggi: 104
Località: Verona
Pietro

Oggetto: Tamburello e Vinavil.

Cari amici della nuova Liuteriaitalia, confesso che per incompetenza nel settore non avevo nessuna intenzione di postare articoli sulle percussioni ma ... mai dire mai!
Due eventi mi hanno spinto a farlo e il primo è stato il sincero e onesto ammettere l'uso di tale prodotto sia nei commenti degli utenti che nei documenti audiovisivi segnalati da Max; ma il secondo fattore, per me di primaria importanza, è stato l'apprendere dai telegiornali della scomparsa del "signor Vinavil" al secolo Carlo Oddone deceduto in data 26/06/2018 alla veneranda età di 93 anni. Il papà della Vinavil non ha mai ricevuto Nobel o altro ma con il suo lavoro di semplice chimico ha contribuito umilmente a realizzare un prodotto che con il nome di colla bianca ha avuto e continua ad avere largo impiego in falegnameria e nell'hobbistica ma anche nelle scuole dove i bambini hanno potuto realizzare i loro collage con un collante semplice e sicuro. La liuteria classica ha sempre deplorato questo prodotto ma non quella amatoriale e pure gli strumenti più genuini della nostra tradizione ne hanno beneficiato.
Sicuramente l'argomento che propongo e che ho tratto e adattato dalla vecchia Liuteriaitalia non sarà completo ed esaustivo ma ho visto che alla fine se le immagini (solo un paio per la verità) non erano più reperibili i filmati di Max erano più che eloquenti in tutto e per tutto.
Grazie dunque al "Signor Vinavil" che intendo ricordare ancora in questo settore della nuova Liuteriatalia: forse Lui solo ora dall'alto della sua nuova dimensione si renderà conto di quanto ha realizzato di utile per noi miseri mortali amanti della liuteria e non ... ma non voglio andare oltre e apro subito il primo argomento nel settore delle percussioni.

Cordialità - Pietro -


Al tema segue la discussione:


1 - framo
Sono in fase per costruire un tamburello ho visto che prima si sparge la colla sul bordo del cerchio e poi si stende la pelle sopra... mi sapete dire che colla si usa?



2 - framo
Grazie per le migliaia di risposte... ho trovato la risposta... si usa una semplice colla vinilica....



3 - Aldo
Anch'io vorrei realizzarne uno! Che tipo di legname stai usando ? La pelle la conci tu o la compri "pronta all'uso"?



4 - mystral1320
Raga, non ve la prendete! Stiamo in tempo di ferie e gli utenti "specializzati" in percussioni sono pochi, per cui abbiate pazienza....
Io non ho assolutamente esperienza in questo campo per cui me ne sto zitto, piuttosto che raccontare cavolate....
Tuttavia, posso solo ribadire che in liuteria le colle viniliche NON vengono MAI usate, preferendo quelle alifatiche o quella animale. Le colle viniliche lasciano degli "spessori gommosi" che non permettono una buona trasmissione acustica. Le colle alifatiche (vedi TITEBOND, WOOD WORKERS e simili) vengono in gergo definite colle bianche anche se non lo sono, visto che con questo nome si identificano di solito le colle viniliche ma che - come detto - NON vanno bene per la liuteria.
La colla animale bisogna saperla preparare e va usata a caldo, per cui presumo che per incollare le fasce di un tamburello non sia proprio il massimo, visto che deve essere morsettata in tempo record onde conservarne la tenuta....
Questo è quanto posso dirvi...
Anche se il mio campo sono gli strumenti ad arco, in ogni caso dubito fortemente che una pelle venga incollata direttamente sul suo supporto, anche perché essendo una parte che DEVE lavorare, di solito va montata in modo dinamico, ossia che si possa tendere ed eventualmente rilasciare all'abbisogna...
Di solito per tendere le pelle in modo ottimale si dispongono le stesse tese sui loro supporti vicino al fuoco. Se dovessero essere incollate sui bordi del supporto, dopo breve si strapperebbero.....



5 - Max
Guarda un po' questi filmati:

http://www.youtube.com/watch?v=C-hILa04WfI

http://www.youtube.com/watch?v=l9lTo0AMiKM

http://www.youtube.com/watch?v=GGPUBUIMxBM



6 - Pietro
Il materiale, tra l'altro più che interessante, postato da Max mi induce a rafforzare una mia piccola convinzione: la colla vinavil in liuteria è usata ben oltre a quel che pensiamo, in special modo nella liuteria amatoriale e nella costruzione degli strumenti tipici del nostro folk nelle varie province e regioni.
Lo si è visto nella costruzione dei tamburelli e delle tamorre dei filmati, lo si è visto nell'assemblaggio del manico delle chitarre battenti e, parlando di liuteria classica, qualche tempo fa un liutaio friulano o veneto che ora non ricordo in una trasmissione della RAI ha illustrato la sua procedura costruttiva della chitarra classica dividendo le parti da incollare con la vinavil e quelle in cui usava la colla a caldo. Tale liutaio tra l'altro ha elencato i nomi dei concertisti che si servono dei suoi strumenti regolarmente.
L'uso della vinavil in liuteria è una cosa che si fa ma non si dice in quanto l'argomento è pittosto scottante, ma talvolta... qualcosa viene a galla.



7 - otammurro
Secondo la mia modesta opinione, l'uso del vinavil nel fissaggio della pelle alla cornice non influisce sulle prestazioni sonore dei tamburi a cornice. Personalmente, come ho avuto già modo di dire in altri post, non uso colla ma chiodini, che poi è il metodo in uso nella tradizione quando non c'era l'abbondanza di colle che abbiamo oggi. Nulla toglie al fatto che il vinavil rappresenta il metodo più veloce ed economico, come ben illustrato nei video elencati.
Per quanto riguarda la cornice, dal momento che uso la tecnica di incollare 3 fasce di compensato da 3 mm per ottenere uno spessore di 10 mm, evitando di piegare il legno a vapore, posso garantire che la differenza nel suono tra cornici incollate con colle animali e quelle incollate col vinavil è praticamente nulla.
Credo che nei tamburi a cornice la qualità dei legni non influisca granchè, visto il rapporto estremamente sbilanciato (1 / 4, 1 / 5) che esiste tra altezza e diametro del tamburo. Dopo tutto stiamo parlando più di un supporto per la pelle che di una vera cassa di risonanza. La qualità del suono è data al 90% dalla qualità e dalla tensione della pelle.



8 - Pietro
Devo confessare che i tamburelli e le tamorre non sono il mio campo ma penso che le tecniche adottate da otammurro e le considerazioni da lui postate in tal senso siano più che pertinenti e valide oltre che pratiche. Come penso sia pertinente e pratico il semplice uso del vinavil in lavorazioni come quelle descritte in quanto non influiscono sul suono.


9 - framo
io ho individuato 3 metodi per fissare la pelle (in tutti e 3 consigliato l'uso della vinavil):
- con i chiodini
- con un secondo cerchio più piccolo
- con graffette, quindi con l'ausilio della pratica pistola sparagraffette
Io uso mettere in tiro al massimo la pelle e per farlo uso cerchi molto robusti altrimenti si piegano e si ovalizzano... purtroppo dopo aver smontato un setaccio da 40 cm e uno da 25cm di diametro e averli trasformati in tamburelli non riesco a trovare piu cornici per farne altri...
Otammurro potresti spiegare meglio come fai a fare i cerchi per i tamburelli? Sembra interessante...



10 - Pietro
Di fronte a questo post posso dire ben poco, mi sono già spinto forse troppo oltre nel mio messaggio precedente, ma l'uso di certi prodotti nella liueteria amatoriale e ancora di più in quella tradizionale popolare intesa con il senso più alto del termine, non posso che considerarlo che più che pertinente. Su quello che Otammurro chiarirà ulteriormente per i cerchi dei tamburelli ci sarà anche il sottoscritto ad apprendere con estremo interesse le sue nozioni. Non è propriamente il mio campo ma la liuteria amatoriale che è lo spirito di Liuteriaitalia mi ha sempre incuriosito fin da bambino.



11 - otammurro
Eccomi. E' semplicissimo: in pratica è la tecnica che si usa nelle fabbriche di percussioni per costruire le batterie di fascia economica, solo che vengono incollate con un macchinario che velocizza il processo. Personalmente incollo una fascia per volta e alla fine ottengo un tamburo di spessore 1 cm. ma molto leggero e solido, evitando l'uso di controfasce. Un altro vantaggio (puramente estetico) è quello di ottenere una cornice senza il sormonto tipico delle cornici di faggio tipo setaccio. Il telaio può essere di truciolato ma è cosa che richiede un po' più di tempo e precisione nel taglio circolare.



12 - framo
tutto così a secco? o metti a bagno le fasce?



13 - otammurro
Assolutamente asciutte: la comodità sta proprio nel fatto che il compensato da 3 mm si piega facilmente.
Attenzione però a tagliare il compensato nel senso giusto (cioè quello che flette maggiormente).



14 - luciano
infatti, meglio asciutte in generale. se poi uno bagna del compensato (e peggio ancora se si produce vapore caldo) questo letteralmente si disfa!



15 - otammurro
Affermativo. Il principio è quello come le varie varianti pescate in giro nel web:
Ricordo uno dei miei tanti tentativi da neofita: rimasi affascinato dalla "steam box" (scatola a vapore) per piegare le fasce dei bodhran. Detto fatto ne feci una sfruttando un tubo di pvc ad uso edilizio e la vaporella di mia madre. Risultato: dopo poco vidi afflosciarsi il tubo come in un quadro di Dalì.
Nel secondo tentativo sostituii il pvc con un tubo di cartone pressato. Il tubo resistette ma il compensato era diventato come una sfogliatella napoletana.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------


L'argomento penso non finisca qui e naturalmente le integrazioni sono sempre possibili.

Cordialità - Pietro -


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010