Liuteriaitalia

Forum dedicato alla Liuteria amatoriale,per chi ama costruire uno strumento da sè e suonarlo
Oggi è 12/12/2018, 18:41

Tutti gli orari sono UTC


Regole del forum


Clicca per leggere le regole del forum



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Tromba marina
MessaggioInviato: 23/12/2015, 16:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/06/2014, 19:21
Messaggi: 104
Località: Verona
Pietro

Oggetto: Tromba marina.
Contrariamente a quanto il nome sembra suggerire, la tromba marina non ha alcuna attinenza né col mare, né con lo strumento musicale chiamato tromba. Sembra che il nome venga dall'aggettivo "mariana": dunque associato al culto, a maggior ragione per il fatto che moltissimi degli esemplari giunti fino al XXI secolo provengono da antichi istituti religiosi femminili. Del resto, in tedesco la tromba marina è chiamata anche Nonnengeige (letteralmente, violino delle suore).
Detto questo però ci sono tracce che portano a strumenti similari usati dai pescatori per segnali marinarareschi tra i pescherecci.
Sembra che anche negli anfiteatri greci fosse presente per sottolineare i momenti estremi dei drammi e delle tragedie.
In entrambi i casi si tratta di uno strumento con grande presenza di suono e di notevole proiezione.
Derivata dal monocordo medievale, la tromba marina possiede una sola corda. Nonostante ciò, secondo il trattato di organologia di Michael Praetorius, lo strumento poteva arrivare ad avere fino a quattro corde: secondo i casi, poi, più corde "simpatiche" potevano essere aggiunte all'interno della cassa di risonanza.
L'altezza supera i 2 metri. La cassa di risonanza somiglia a quella di un'arpa, con un manico nel prolungamento della tavola.
L'unica corda, sfregata da un archetto, è fissata a un cavalletto: la particolarità di quest'ultimo consiste nell'avere un solo piede fisso. L'altro, leggermente distanziato, percuote la tavola (o cassa) in base alla vibrazione assegnata: questo effetto di percussione è chiamato tromba, per via dell'analogia col timbro di questo strumento. Non si tratta, però, dell'unica analogia: la tromba marina è suonata sugli armonici naturali della corda, in modo tale da rifarsi alla stessa scala, incompleta e talvolta naturalmente stonata, delle trombe dell'epoca, sprovviste di pistoni. La somiglianza timbrica, in effetti, è elevata.
Vediamola insieme.

Cordialità - Pietro -

Al tema segue la discussione.


1 - Mastro Titta
No non è ne un imperativo categorico ne l'annuncio di una catastrofe naturale, ma uno strumento musicale....
Qualcuno di lor signori ne sa qualcosa di più ?


2 - edo
Non è che io ne sappia molto ma qui puoi leggere qualcosa (sempre se hai dimestichezza con l'inglese) e anche sentirne il suono.
http://www.trombamarina.com/tm.htm


3 - giuliomusicante
Ti posso dire, per intanto, che esistono sostanzialmente due tipi di tromba marina ... una medievale, quella che si trova nel dipinto famoso di Memling, più piccola e che si suonava poggiata sulla spalla e poi c'è la tromba marina moderna che si suona a modo di contrabbasso e ha spesso numerose corde simpatiche in metallo .... io ne ho costruita una come prototipo e funziona molto bene!!


4 - Mastro Titta
Non è che si potrebbe vedere una foto del prototipo non ho ben capito come funziona il "guidone".


5 - fabiodm
Però è proprio un bel strumentino da fare come primo strumento ad arco ,non si sa mai.


6 - luciano
Ne ho proprio una in costruzione: ricalca quella di memling ma è circa 1.80 m. , a sezione triangolare. con 2 corde.
Questo si ispira a un tipo di strumento visibile in alcune stampe del 4-500 e anche, mi pare (ora non ho sottomano questo materiale) nel giardino delle delizie di Van Eyck (ma la mia riproduzione del quadro è troppo piccola per vedere bene).
Purtroppo è un altro dei miei lavori fermo da oltre 10 aa... ma prestissimo la riprendo. tutti i pezzi sono fatti, comprese la rosa, la cordiera ecc. è solo da montare. Uno dei problemi che avevo era come incollare con colla a caldo dei bordi cosi lunghi. con una pistola sverniciante ad aria calda ho visto che il problema si risolve bene. Invece, il problema principale che ho tutt'ora è quello dell'incatenatura: qualche suggerimento?


7 - giuliomusicante
Cosa sarebbe il "guidone"?
Dopo il prototipo in multistrato marino avevo una tromba marina vera tra i progetti immediati ma ora sono partito con il progetto "nuovo clavicembalo"!! lo spazio è poco e devo economizzare!


8 - Mastro Titta
Luciano sull' incatenatura mi ci stò arrovellando anche io.... Giulio il guidone è una cordicella che serve a regolare il ponticello come nella ghironda ma funziona in modo diverso a quello che ho capito corre parallelo alla corda ma non ho capito se sopra o sotto la tavola.


9 - giacomo.guadagna
Se ne volete vedere una dal "vivo", potete andare (chi si trova nei paraggi) a Bologna al Museo della Musica in via Strada maggiore.


10 - giuliomusicante
Nel prototipo che ho realizzatoil ponte non aveva nessuna funicella di regolazione..... comincio a credere di aver sbagliato.... eppure il suono che mi veniva era quello della Tromba marina!!! Ora che ripenso alle trombe marine che ho visto nei musei, compreso quello di Bologna, non ho mai visto alcuna regolazione... qualcun'altro del forum ci può aiutare?
Metto giù un progettino di tromba marina che trovai in internet tempo fa.

Allegato:
Tromba marina 1.gif
Tromba marina 1.gif [ 58.45 KiB | Osservato 2961 volte ]




11 - Mastro Titta
Non mi ricordo dove l' ho letto ma è scritto anche sul link segnalato da edo ma la descrizione non è affatto chiara. un altro problema è l' arco. oltre la costruzione un aspetto che mi intriga è la tenuta (non credo che conti molto ma...io sono pignolo) sempre sul quel sito nella stampa si vede la tenuta a palmo in giù, nella foto a palmo in su... mi sono accorto che nella foto si vede chiaramente una seconda caviglia sulla testa che dovrebbe essere appunto quella per regolare stò benedetto "guidone"


12 - luciano
Ho raccolto diverse foto di trombe marine in giro per musei e studiato quelle del museo di bologna (di cui ho il catalogo). Non ricordo di aerne vista nemmeno una con la regolazione del ponticello. Secondo me il tipo di ponticello è "intrinsecamente" instabile nella tromba marina, a differenza di quello della ghironda, per cui non ha bisogno di essere modificato/regolato. in alternativa, potrebbe essere che la condizione attuale degli strumenti che ho visto non sia quella "operativa" (pochi in effetti conoscono il funzionamento di questo strumento), ma penso sia da escludere, in quanto nelle ghironde si vede bene l'alloggiamento del pirolo per regolare la tensione, cosa che non ricordo di aver mai visto nelle TB. Invece, per quanto riguarda l'incatenatura? qualche suggerimento? ipotesi di lavoro..??


13 - Mastro Titta
Si in effeti ripensando ad alcune eclatanti castronerie che scrivono anche eminenti organologi su strumenti che conosco bene non posso che seguire il tuo parere su un argomento di cui sono completamente digiuno l' unica perplessità che mi rimane è sempre quella foto. sull' incatenatura brancolo. l' unica cosa che mi vine in mente da fare sarebbe una controsupporto interno per dare forza alle giunture del triangolo tipo controfascia e una cornicetta finale per evitare di trovarsi la tavola spaccata a metà non appena poggi lo strumento in terra in maniera un po' più "sportiva". ma sono solo supposizioni in base alle foto (tutte esterne che ho visto).


14 - luciano
Anche io avevo pensato alla cornice e alle controfasce, come dici tu. Sulle catene, pensavo quasi quasi a farle stile "liuto-giraffa" (=con la stessa logica del liuto ma "spalmate" sulla lunghezza).


15 - giuliomusicante
Secondo me l'incatenatura interna occorre solo de si realizza una tromba marina barocca che ha la tavola di ampie dimensioni (in quel caso vedrei bene anche una piccola anima nei pressi del ponte affinchè il carico non sfondi il piano armonico)... nel caso di uno strumento medioevale basterebbe la cornice e una piccola controfascia ....al massimo metterei (nello strumento medievale) due piccole catene trasversali in prossimità (sotto e sopra) della rosetta. Vi posso anche dire che mi è stato consigliato da un liutaio di montare la tavola armonica in leggera tensione nel senso trasversale questo di per se rende lo strumento più resistente al carico della grossa corda.
Ora il problema che per me è irrisolto è capire qual'è il giusto carico della corda e quindi il suo diametro più appropriato!!


16 - luciano
Sul pretensionamento della tavola credo che su questo forum siamo ormai tutti d'accordo, mi pare (v.commenti su ghironde chitarre e liuti). quindi la cosa la diamo per accertata. Mah, quindi, ricapitolando... tu penseresti a delle catene di rinforzo della rosetta.....
Un'altra idea che mi era venuta era quella di usare 2 catene trasversali come nella ghironda, davanti e dietro il ponticello.....
problema che nella mia TBM avevo previsto 2 corde, = 2 ponticelli, che però sono a distanze notevolmente diverse (fondamentale e dominante), per cui diventerebbero in realtà 4 catene,a distanze asimmetriche .... per la tensione delle corde non credo sia un problema: presa una corda qualunque si trova la tensione / nota che fa suonare al meglio la lo strumento sulla fondamentale e sugli armonici (in realtà lo strumento è pensato per suonare con gli armonici) e poi ci si regola di conseguenza, usando delle tabelle di riferimento, calcolando il diametro/tensione adatto per altre fondamentali che si vogliano ottenere ....nel 98' avevo fatto fare un paio di corde in budello di circa 2 metri.... sono piuttosto grezze e sono ancora li che aspettano...spero non si siano rovinate nel frattempo...


17 - giuliomusicante
Ho trovato nel frattempo un piano di Tromba M. dove si vedono chiaramente le catene e la loro disposizione ....

Allegato:
tromba marina 2.gif
tromba marina 2.gif [ 27.19 KiB | Osservato 2961 volte ]



Resta il fatto che quella postata è pur sempre una tromba m. di forma "moderna" e non certo medievale!
Mi chiedevo se, per questo tipo di ponticello sbilanciato, funzionino meglio le basse tensioni o le alte tensioni ....
Vivo di dubbi!!!! .....voi non ci crederete ma per queste cose io non ci dormo la notte...........!!!

COLPO DI SCENA!!!!! ho trovato una foto in cui si vede il "guidone" di cui parlava Mastro Titta!!!! A voi signori.

Allegato:
trombamarina 3.jpg
trombamarina 3.jpg [ 67.69 KiB | Osservato 2961 volte ]



Ora le cose si complicano!


18 - Mastro Titta
Ah! Ah! e ho anche capito come funziona. interessante anche lo schema delle catene bene bene bravo Giulio ! bene adesso tra clavicordo e tromba marina ho da lavorarci per i prossimi sei mesi ... luciano ora mi insegni a fare le corde?


19 - luciano
Ohe Mastro: non le ho mica fatte io. ma ero per lavoro a kathmandu e avevo conosciuto un negoziante di Thamel che conosceva chi le faceva. prima di rientrare me le ha consegnate. ho paura che andarci apposta non sia tanto economico. qui proverei a sentire Peruffo di Aquila corde (lo trovi sul suo bellissimo sito). loro credo le facciano anche su ordinazione.
Favolosa la foto delle catene. grazie Giulio. Secondo voi: cos'è quella striscia verticale sotto la catena più bassa?
Come ho detto prima, non mi preoccuperei piu di tanto per la tensione. secondo me bisogna provare con una corda a varie tensioni e vedere il miglior risultato.....


20 - Mastro Titta
Ho frainteso.....sarei curioso di leggere questo: Traité sur la trompette marine di Jean-Baptiste Prin. ma non credo lo trovero facilmente


21 - giuliomusicante
La striscia verticale credo che sia una catena longitudinale (tipo violino) che è posta proprio sotto il ponte .... non credo che possa essere altro.
Ho anche appreso che esiste un vero e proprio repertorio barocco per tromba marina e strumenti vari! ..... il mondo non finirà mai di stupirmi!!!


22 - bombarda
Sto pensando seriamente di costruirne una scavando una trave di abete. Secondo voi è un delirio o può avere un senso?


23 - giuliomusicante
Considerando le dimensioni di questi strumenti ci si avvicina pericolosamente al delirio...
Forse, nel caso di una tromba marina medievale piccola, sarebbe anche accettabile per un discorso filologico, d'altronde molti degli strumenti dell'epoca erano scavati in un unico blocco di legno ..... ma da una ribeca ad una tromba marina il numero di scalpellate aumenta esponenzialmente!!!! Soprattutto sprecheresti molto legno che, visto dalla mia ottica squattrinata, è improponibile ........ anche l'abete è oro!!!!


24 - luciano
Avevo visto in diversi posti che le trombe marine antiche sono semplicemente a sezione triangolare (quella che avevo iniziato lo era anche): stando cosi le cose non sembrerebbe molto conveniente mettersi a scavare...

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Naturalmente le integrazioni sono sempre possibili e gradite.

Cordialità - Pietro -


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010