Liuteriaitalia

Forum dedicato alla Liuteria amatoriale,per chi ama costruire uno strumento da sè e suonarlo
Oggi è 12/12/2018, 19:08

Tutti gli orari sono UTC


Regole del forum


Clicca per leggere le regole del forum



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Cambierà la sonorità della musica.
MessaggioInviato: 21/06/2014, 10:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/06/2014, 19:21
Messaggi: 104
Località: Verona
Pietro

Oggetto: Cambierà la sonorità della musica?

Posto questo articolo senza nulla aggiungere o togliere in quanto è più che eloquente:

Allegato:
mimmo1 (181x640).jpg
mimmo1 (181x640).jpg [ 120.84 KiB | Osservato 2765 volte ]


Non è cosa dei nostri giorni in quanto in occasione di un concerto con strumenti antichi svoltosi al museo di scienze naturali di Verona ai tempi di "Mucca pazza" Mimmo Peruffo stesso mi esternò le sue preocupazioni per i riflessi negativi che l'evento poteva portare alla sua professione e a quella di tutti i musicisti filologici che per la musica antica usano le corde in budello naturale.
Questo invece è l'incerto presente per chi ama queste sonorità.

Cordialità - Pietro -


Al tema segue la discussione:

1 - mystral1320
Caro Pietro, se da un lato non posso che condividere certe perplessità, dall'altra, vedendo come stanno andando le cose, mi chiedo per quanto ancora la UE così com'é ora potrà durare. Non é mi intenzione creare qui delle polemiche, ma vedendo tante industrie che chiudono per riaprire all'estero, di certo anche qualche fabbrica di corde nota non tarderà a seguire quell'esempio. Se non proprio la sede, comunque qualche stabilimento per poter produrre in santa pace ciò che qui in Europa ormai certe lobby intendono proibire.
Lo stesso discorso (e paura) la si é avuta anche qui in Svizzera un paio di anni fa quando la UE voleva proibire l'importazione di un tipo particolare di budello dal Brasile che qui da noi é usato per insaccare i cervelat, ossia una delle diverse varietà di würstel che é ormai diventato una sorta di emblema nazionale. Alla fine, per altre vie, si é riusciti ad aggirare l'ostacolo imposto da altri per mero interesse.
Mi sa che alla fine le varie Pirastro, D'Addario ecc., come dicevo, o troveranno il sistema per aggirare la cosa o inizieranno a fare produrre all'estero le corde di budello....
Salutoni


2 - edo
Questo è quello che ha pubblicato sulla sua pagina Facebook Mimmo Peruffo:
Un sentito grazie a tutti!
Il Ministero della Salute , Dipartimento della Sanità Pubblica Veterinaria e della Sicurezza Alimentare , con lodevole celerità e cortesia ci ha oggi comunicato una serie di interventi volti a risolvere in via definitiva la situazione dei cordai italiani.
Il primo intervento permette di poter finalmente importare dagli stati europei ed extraeuropei non BSE free la materia prima necessaria per fare le corde.
Il secondo intervento apre finalmente alla possibilità di poter utillizzare anche il budello vaccino italiano dopo quasi 20 anni di blocco totale. Abbiamo già informato gli altri colleghi cordai italiani. di questa importante novità.
Ringraziamo calorosamente tutti gli amici che hanno fatto sentire la loro protesta alle autorità italiane sia tramite le petizioni che via mail che con altri mezzi leciti.
Si ringrazia il Ministero della Salute per aver dato celermente ascolto alle giuste istanze e provveduto ad individuare delle soluzioni definitive.
Portiamo tutto il nostro sostegno all'iniziativa ( petizione) che vuole che l'Arte Cordaia si riconosciuta come Patrimonio dell'Umanità sotto tutela dell'UNESCO.
Avvisiamo la gentile clientela che la ripresa della nostra attività di produzione di corde di budello richiederà un certo periodo di tempo necessario a trovare una materia prima che soddisfi innanzitutto i nostri criteri di qualità e per la ristutturazione del nostro stock.
Un saluto e ancora grazie per il vostro prezioso sostegno
Mimmo Peruffo


3 - Pietro
Vorrei a questo punto chiedere io qualche integrazione se possibile.
L'articolo che ho postato integralmente è contenuto nel Venerdi di Repubblica ma lo stesso Peruffo era già (come detto) in preallarme da qulche anno. Leggo da Edo che su Facebook Mimmo Peruffo dichiara che è da quasi un ventennio che esiste in tal senso un blocco totale di uso di budello italiano; in tal caso non capisco gli allarmi per mucca pazza di solo qualche anno fà esternati al sottoscritto dallo stesso Peruffo.
I due fabbricanti di corde in budello italiani citati nell'articolo sono L'aquila corde di Mimmo Peruffo e la ditta Salvi (se non vado errato) che rivolge la sua produzione più che altro per le arpe anche se vanno bene per tutti gli strumenti a pizzico visto che sono trattate per il tocco. Gli altri Savarez ecc. sono stranieri e comunitari e, almeno stando ai miei ultimi dati di Cremona musica, non mi sembra si lamentino per il materiale.
Forse hanno già tutti aggirato l'ostacolo come scrive Mystral?
Aggiungo che quando ho postato l'articolo non mi ero fatto tante domande perchè pensavo solo alla sonorità, non vedrei le viole da gamba di mio figlio con altri tipi di corde se non in budello nudo o ricoperto e senza quel suono rugoso e ricco che è di queste tipico così come non immaginerei la ghironda dell'amico Fabio con altri tipi di corde, anche se pur esistono.
Mi chiedo alla fine se la UE in questi momenti difficili (anche se non per tutti) non abbia altro da pensare oltre al budello per le corde degli antichi strumenti.
Cordialità - Pietro


4 - aldeo
Purtroppo la UE invece di essere l'unione dei popoli è l'unione delle lobbies che fanno il bello ed il cattivo tempo. Il fatto che in tempi di recessione e di reale pericolo economico per tutto il continente gli euroburocrati si vadano a impicciare di budelli (in Toscana a Budello si aggiunge sempre qualcosa di materno) è il segno evidente che gli interessi particolari sono anteposti a quello che dovrebbe chiamarsi il bene comune.
Lo dico con la bocca amara perchè sono un europeista convinto da oltre 50 anni, ma questa non è l'Europa che sognavo.


5 - edo
Caro Pietro, i tuoi dubbi sono anche i miei.
Io mi sono fatto un idea, che però non aggiunge niente di certo alla discussione proprio perchè è solo una mia supposizione: quando è stato messo il blocco dell'utilizzo del budello bovino causa mucca pazza i cordai avranno trovato un canale "alternativo" di approvvigionamento, altrimenti non si spiega come abbiano fatto a produrre finora.
Ora questo canale sarà diventato più difficilmente percorribile, oppure non riusciva più a fornire materiale di qualità, ed è scoppiato il caso.
Oppure i cordai speravano in una revoca del blocco ed ora dopo 10 anni, visto che il blocco continua, si sono stufati di "arrangiarsi" ed è scoppiato il caso: prima Striscia la notizia, poi i giornali e Facebook.
Speriamo che la soluzione arrivi, intanto si può ancora firmare la petizione europea:

http://www.petizionionline.it/petizione ... l-use/5599

quella italiana è chiusa perchè il numero di firme richiesto è stato raggiunto.

Sul discorso dell'Europa io penso che al parlamento europeo sono in tanti e ben pagati e anche se la situazione economica richiede grandi sforzi non possono e non devono permettersi di tralasciare le questioni ritenute meno importanti, tra le quali c'è anche questa delle corde in budello. Se c'è qualcosa di sbagliato, in qualsiasi campo, si provveda ad azioni riparatrici, li abbiamo mandati là e li paghiamo anche per questo.
ciao


6 - mystral1320
Edo,concordo col tuo discorso e con le perplessità espresse da Pietro, ma devo dare atto ad Aldeo su ciò che dice. La UE, al di là che molti si ostinino a credere sia un unione tra popoli europei, di fatto é stata creata solo per favorire gli intrallazzi delle varie lobbies industriali, per le banche, ecc.. Il problema prima erano le "complicazioni" dovute a diverse leggi esistenti nei vari paesi che rendevano l'esportazione di identici prodotti complicata per via di interessi di parte "regionali". Con la UE, ad esempio una ditta come la Siemens che fabbrica e vende forni di ogni genere, anche industriali, può imporre il suo diktat a tutti indifferentemente, così le ditte Italiane meno potenti come poteva essere la Indesit, o hanno dovuto chiudere, oppure vendere le proprie quote azionarie alla Siemens o peggio ancora andare all'estero per continuare le proprie attività.
Di esempi simili ce ne sono un sacco e le "problematiche" che vengono avanzate per giustificare certe decisioni sempre più spesso suonano ridicole quante infantili. Nel caso del budello, tutti ben sanno che lo stesso non viene usato solo per insaccare salsicce ma anche per altri scopi, quindi creare una proibizione totale per un prodotto che non ha un uso solo commestibile come il budello, ha senso solo se ci sono degli interessi di parte da sostenere.


7 - blu
Anche a me era stato detto della questione relativa alle corde in budello e devo dire che in effetti, una ditta (che vendeva le corde al metro) francese, di cui ora mi sfugge il nome, ha chiuso i battenti per questo motivo...
In Italia oltre alle già citate Aquila e Salvi in Italia opera anche la Toro, che attualmente prosegue la propria attività, non so se realmente in Italia o se faccia produrre le corde da altri in paesi extraCEE...
E mi è stato riferito che in America si sta verificando un analogo problema di tipo burocratico: ogni strumento musicale realizzato deve essere accompagnato da una certificazione di provenienza per ogni singolo materiale utilizzato... e sulla rivista "American Lutherie" sta montando la protesta di liutai non solo amatoriali che si trovano a dover fare certificare tavole di legno che magari avevano in casa da vent'anni.


8 - blu
Ce le facciamo da soli???
http://olivier-feraud.instrumentsmedievaux.org
Premere su lutherie, scegliere il link in fondo.. traduttore, macellaio, una mattina ed è fatta!


9 - luciano
Davvero!
non sembra poi cosi impossibile, almeno per provare
...e il meccano sembra particolarmente adatto per farsi rapidamente un marchingegno.
ciao e grazie della dritta.
Luciano


10 - blu
Sì, Luciano... secondo me la parte difficile è calibrare adeguatamente la corda... poi io ero convinto che nelle corde comperate ci fosse dentro anche un poco di colla, che qui invece non viene menzionata...
Altra stranezza, da quello che mi pare di aver capito, qui cita solo budelli di maiale e pecora, non quelli bovini, ma considera che ho usato il traduttore google!
Comunque mi piacerebbe molto vedere dal vivo come procedono i costruttori professionisti!
Ciao


11 - mystral1320
Dal poco che so e da qualche riminiscenza della scuola di Cremona, anche a me sinceramente pare di ricordare che le corde migliori venivano/vengono ricavate dal budello di pecora o capra. Poi, viste le dimensioni ben maggiori, non é da escludere che da qualche tempo fosse impiegato il budello vaccino. Ma resto comunque dell'opinione che il migliore sia quello di pecora, come (se non sbaglio) é pure riportato in qualche trattato antico.

Viste le quantità di ovini, mi chiede perché mai simili industrie non esistano in Scozia, Irlanda, Australia e Nuova Zelanda dove le pecore di certo non sono mai mancate....

In ogni caso, il tutorial scaricato dal sito segnalato da Blu, non é male per niente e spiega abbastanza bene come procedere. Non appena avrò un attimo da dedicarci, vedrò di tradurlo in italiano se lo ritenete utile...


12 - blu
Certo Mystral, sarà utile... io con il traduttore google ho fatto una traduzione abbastanza casereccia!
Grazie...
Segnalo che la ditta che ha chiuso i battenti era la SOFRACOB, qui il comunicato stampa della chiusura:
http://www.musiqueancienne.org/index.ph ... ay&sid=239

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Naturalmente siccome il problema è ancora in corso se ci saranno altre opinioni in merito saranno le benvenute.

Cortdialità - Pietro -


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010