Liuteriaitalia

Forum dedicato alla Liuteria amatoriale,per chi ama costruire uno strumento da sè e suonarlo
Oggi è 20/05/2024, 22:13

Tutti gli orari sono UTC


Regole del forum


Clicca per leggere le regole del forum



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: La viola da gamba soprano
MessaggioInviato: 09/07/2014, 13:40 
Non connesso

Iscritto il: 20/06/2014, 19:21
Messaggi: 348
Località: Verona
Pietro

Oggetto: La viola da gamba soprano.


La famiglia delle viole da braccio comprendenti il violino, la viola, il violoncello ed in parte anche il contrabbasso la conosciamo tutti. Pochi però conoscono la nobile famiglia delle viole da gamba denominate dal musicologo Anthony Baines: “dolci chitarre ad arco”. In passato erano gli strumenti raffinati della nobiltà e delle corti mentre il violino dal suono più rude era più usato in ambito popolare.

Allegato:
Nuova immagine (640x426).jpg [33.43 KiB]
Scaricato 5801 volte



Allegato:
Nuova immagine1 (640x363).jpg [27.09 KiB]
Scaricato 5803 volte




La presente viola da gamba soprano da me costruita è grande circa come un violino, ma le differenze si vedono subito: sei corde invece di quattro, cassa armonica più spessa ed i tagli a C invece che a F. Gli spessori sono più sottili, l’accordatura è per quarte, mentre quella del violino è per quinte ed il manico è tastato. L’esemplare presente è il penultimo in ordine di grandezza di una famiglia che spazia dagli enormi violoni contrabbassi alle piccole viole soprano come questa rappresentata.
Il modo di suonarla spiega il nome dello strumento ed è lo stesso sia nel soprano che nella taglia bassa; solamente i violoni si suonano in piedi per il loro ingombro. A differenza della famiglia del violino che non è completa, le viole gamba coprono tutte le tessiture sonore: soprano, contralto, tenore, baritono, basso e contrabbasso.


Allegato:
nuova immagine 2 (509x480).jpg [31 KiB]
Scaricato 5800 volte



Come per altri strumenti caduti in disuso causa il nuovo assetto orchestrale stabilito in epoca barocca, anche le viole da gamba stanno conoscendo una sorta di revival dovuto alla pratica delle esecuzioni filologiche che sanno dare il giusto sapore a musiche concepite per specifici strumenti; una sonata di Bach per clavicembalo suonata sullo strumento originale è ben diversa dalle esecuzioni moderne eseguite al pianoforte e così è per le viole da gamba che non possono essere surrogate dai violini.
Il nostro orecchio musicale può estemporanamente estraniarsi dal frastuono sonoro dei nostri tempi frenetici rifugiandosi nelle ovattate atmosfere di questa nobile ed antica famiglia denominata da Anthony Baines: “le dolci chitarre ad arco”.

Cordialità - Pietro -

Al tema segue la discussione:

1 - fabiodm
Ciao piero che legno hai usato per fare la cordiera e la tastiera?
noce mi sembra .
Complimenti comunque da parte mia ottima da vedere peccato che su questo forum non si possa sentire come suona.


2 - Pietro
Caro Fabio, in risposta ai tuoi quesiti sui materiali costruttivi della viola da gamba ho giusto appena inviato del materiale per la costruzione di questi strumenti. Vedo con piacere un profondo interesse per la liuteria e la dinamica degli strumenti, ce ne fossero tanti come te che dedicano il loro intelletto a questa nobile arte che può essere una piacevole evasione dal tram tram quotidiano.
Per il suono... vedremo di fare qualcosina in tal senso.

3 - maurizio
caro pietro
è la prima volta che intervengo nel forum anche se da un pò di mesi in modo saltuario lo seguo
ed il motivo per cui scivo è per chiedere un consiglio
tempo fa ho trovato insieme ad altri strumenti una viola da gamba
o meglio una specie di viola perchè chi l'ha costruita circa 40 o 50 anni fa non era un liutaio ma sicuramente un artigiano
dunque ha fatto quello che ha potuto
la cassa è stata realizzata semplificandone la forma
e gli spessori della tavola e del fondo non sono certo canonici
ma è simpatica e ora io sto facendo la stessa cosa cioè quello che posso
intanto vorrei chiederti come si fissa la cordiera al suo posto
ho visto dalle tue foto che c'è una specie di piolo che la tiene e credo dia anche la giusta inclinazione attraverso il foro sulla cordiera stessa
ma come sta fermo questo piolo sulla fascia?
per ora aspetto una risposta su questo dettaglio ma ci risentiamo in seguito se ti fa piacere su altre cose perchè temo di avere ancora bisogno di consigli

4 - Pietro
No problem per i consigli che se posso li do sempre volentieri.
Una foto spesso è più chiara di mille parole e per questo il particolare del perno quadrato che fissa la cordiera delle viole da gamba dal violone al soprano passando per tutti i membri della numerosa famiglia lo puoi vedere nelle foto iniziali; si tratta comunque di un perno incastrato nello zocchetto inferiore che sporge lasciando un nasello dove si ancora la cordiera.
Detto questo però bisogna considerare che gli strumenti popolari spesso sfuggivano alle regole della liuteria canonica e adottavano soluzioni gradite al costruttore variabili di volta in volta. Un simile strumento poteva di conseguenza avere l'attacco con il classico bottone tipico delle cordiere dei violini e di conseguenza per meglio intenderci avrei bisogno di qualche dettaglio in più. Iden vale per le dimensioni e per il diapason che mi permetteranno di identificare la tessitura dello strumento e di conseguenza stabilire il calibro delle corde e naturalmente l'accordatura.
Questo da quanto ho capito sarà in una seconda fase, per adesso ci si focalizza sulla cordiera e sull'attacco della stessa; se l'immagine non è chiaramente esaustiva batti un colpo.

5 - maurizio
Ciao Pietro
Mi faccio risentire per chiederti ancora qualche consiglio
Ho risolto il problema della cordiera infilandola sul perno, che a sua volta (essendo di sezione trapezoidale) si innesta in una scanalatura a coda di rondine sul fondo della fascia.
Ho rincollato la tastiera ed ora devo posizionare il ponte.
A questo punto mi sono chiesto di che misura dovesse essere il diapason, ed è su questo che avrei bisogno di aiuto.
Queste sono alcune misure dello strumento.
Lunghezza totale (dal capotasto) cm. 50
Lunghezza della cassa cm. 35,5
Lunghezza dal capotasto alla cordiera cm.41,5.
E’ sufficiente per saperne di più?

6 - Pietro
Veramente stupefacente che due strumenti (il tuo ed il mio che ho costruito) abbiano misure molto similari pur essendo così diversi. Il diapason di questa taglia di viole varia da 35 a 38 cm, nella mia è di 36,5 cm e rispecchia, come per le altre misure, l'esemplare che ho a suo tempo copiato.

7 - maurizio
ora sono arrivato alle corde e girando sui vari siti non ho trovato quasi nulla - eccetto aquilacorde.it che però mi ha confuso ancora di più le idee
credo di aver capito che la scalatura della corde deve essere sol-do-fa-la-re-sol
ma come scegliere tra i molti tipi di corde?
puoi aiutarmi?

8 - Pietro
Iniziamo dall'accordatura: quella che hai menzionato è per una "Pardessus" viola alta (la più acuta della famiglia) accordata appunto in Sol e con una lunghezza di corda vibrante di 30 - 31 cm. La tua rientra nel "Dessus" ed è il soprano della famiglia con lunghezza di corda vibrante di 35 - 38 cm e la sua accordatura corretta è in Re.

Re - la più acuta
La
Mi
Do
Sol
RE - la più bassa

Per la fornitura delle corde (in budello nudo le acute e in budello ricoperto le basse) va benissimo anche Mimmo Peruffo (Aquila corde armoniche) che te le spedisce direttamente a casa (se scarichi il suo catalogo corde per musica antica avrai prezzi, caratteristiche e modalità per l'ordine che puoi fare tramite internet. In tutti i casi ti basta ordinare una muta di corde per viola da gamba soprano e ci penserà lui. Se mancano i legacci in budello sul manico per le tastature, fornisce anche quelli.
Aggiungo che la ditta è di Vicenza e che le corde menzionate sono lunghe 120 cm, praticamente due corde in una.
Come alternativa vedo solo Morassi a Cremona via dei lanaioli 3 (vicino al torrazzo) che tiene le Savarez, ma devi andare lì.

9 - brass
ciao, sono un neofita della liuteria e della musica antica ma ho costruito una viola bassa Bertrand e la studio da qualche mese.
ma l'accordatura per lo strumento di cui sopra non dovrebbe essere per quarte come dicevi prima?
re
sol
do
mi
la
re
ciao e complimenti per il forum.


10 - Pietro
L'accordatura è per quarte, solo che io sono partito dalla corda più acuta e tu da quella più bassa.
Io ho in casa una viola bassa a 7 corde mod. Colichon (la studiava mio figlio maggiore al conservatorio) posso chiederti come mai non hai costruito uno strumento a sette corde che ti sarebbe servito per tutta la musica francese? Sei forse intenzionato a farla magari in un futuro prossimo? Con questi strumenti i violisti sono come i liutisti che hanno liuti di varie taglie: per questo ho costruito la viola da gamba soprano.

11 - brass
...Hoh...beh... sono abbastanza neofita anche di musica!
Il legno per la sette corde è già nello scantinato che aspetta il "la" per partire.
In realtà la scelta è stata quella di fare un modello ibrido da studio con cassa Bertrand e manico di colichon a sei corde perchè risultasse più facile da suonare per cominciarne lo studio; ...a presto.

12 - fabiodm
Brass complimenti davvero .
Sara una vera soddisfazione studiare su un strumento di tua costruzione .
Hai seguito un disegno aquistato ho hai realizzato tu anche quello?

13 - brass
Ciao Fabio, grazie dei complimenti.
La cassa viene da un progetto della Bertrand acquistato al museo di bruxelles (uno spettacolo) per il manico ho usato delle misure prese da uno strumento e qualche ritocchino ad occhio.
...per ora so che vorrei costruire la Gasparo basso di viola con lunghezza vibrante di 71,5; però non ho ancora le idee chiare

14 - mystral1320
Di regola per indicare l'accordatura si parte sempre dalla corda più acuta come dice Pietro...

15 - almar72
Ciao, facio una ricerca sulla viola da gamba perche vorrei farmi una; sono interesato a la viola da gamba soprano e alla bassa; qualcuno potrei dirmi gli spessori della tavola armonica e della cassa?
Grazie ed scussi per il mmio italiano

16 - aldeo
per la soprano siamo intorno ai 3 millimetri di spessore sia per il fondo, sia per la tavola. Ovviamente la misura é molto approssimativa e va commisurata al tipo di legno che si usa (non tutte le tavole di acero sono uguali e nemmeno quelle di abete). Con legno molto compatto e pesante si può diminuire un po' lo spessore, la cosa inversa se il legno appare molto leggero e poco compatto- Lo spessore delle fasce può aggirarsi tra un millimetro e un millimetro e 30 sempre tenendo conto di quanto detto sopra.
Per la viola bassa non saprei.

17 - mystral1320
Ciao Almar, come già ti ha suggerito Aldeo, si tende a rimanere - per gli spessori della tavola armonica - attorno a degli spessori di circa 3 mm. Quello che deve venire capito é che gli spessori negli strumenti ad arco:
SONO SEMPRE IN RELAZIONE ALLE CARTTERISTICHE TECNICO - ACUSTICHE CHE IL LEGNO USATO PRESENTA.
Esa es la direcion que tienes que tomar por lo que es el contexto de lauderia classica que tambine inclue las violas da gamba.
Con el termo caracteristicas se entiende la densidad de las fibras por cm cuadrado de superficie en el tampo. Se houver muchas fibras las espessuras tienen que ser bajadas un poco y se la densidad que s'encuentra é baja, ao contrario, las espessuras se reformaran al nuevo contexto.
Por isto el assunto de las espessuras se torna siempre indicativo a una medida "mas ou menos".
La cosa mejor seria sacar de l'internet dibujos tecnicos onde se encuentram las medidas apropriadas e las indicaciones para la construcion de l'instrumento desejado.
Muchissima suerte en su busca.
Mystral, laudero graduado en la escuela internacional de Cremona en el 1986.


18 - almar72
Grazie a ambidue.


19 - Pietro
Si parlava della voce della viola da gamba soprano da me costruita, qualcosina ho potuto fare...però con l'aiuto di un violista:

- Ungaresca - tratto dal "Primo libro de balli" di Giorgio Mainerio è il brano proposto.

http://www.box.net/shared/xpxp53d6nk


20 - fabiodm
Complimenti Pietro per la tua viola che suona davvero bene e complimenti anche al suonatore del brano.

21 - Manu
Pietro! Non mi avevi fatto ancora ascoltare il suono della tua viola, ora dovrò sentirlo dal vivo quando ti verrò a trovare la prossima volta, sempre che sia disponibile anche l'ottimo esecutore di questo MP3!

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Come sempre sono possibili integrazioni.

Cordialità - Pietro -


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010