Liuteriaitalia

Forum dedicato alla Liuteria amatoriale,per chi ama costruire uno strumento da sè e suonarlo
Oggi è 25/03/2019, 5:46

Tutti gli orari sono UTC


Regole del forum


Clicca per leggere le regole del forum



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: L'arco musicale
MessaggioInviato: 06/07/2014, 16:53 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/06/2014, 19:21
Messaggi: 129
Località: Verona
Pietro

Oggetto: L'arco musicale

Emblematico è il caso dell’arco musicale che dopo aver dato vita alla famiglia degli strumenti a pizzico, a corda percossa e utilizzato pure per sfregare le corde degli strumenti della famiglia (per l’appunto) degli archi, viene ancora in epoca nostra usato nella sua struttura originale.
Fin dalla preistoria diverse pitture rupestri testimoniano come l’arco da caccia sia usato anche solo per diletto facendo vibrare la corda. Sicuramente i nostri lontani antenati quando per cacciare scoccavano la freccia avevano notato il canto della corda vibrante; pizzicarla con le dita, percuoterla con un bastoncino, sfregarla con un arco più piccolo e avvicinarla alla cavità della bocca per amplificare e modulare il suono deve essere stata la logica conseguenza. Numerosi reperti inoltre testimoniano l’uso di risuonatori applicati o di archi fissati a buche di terra come ancora adesso in uso in Africa.
Naturalmente anche le divinità non erano estranee al fascino della liuteria: si narra che il dio Apollo incantato dal suono dell’arco di Diana cacciatrice nell’atto di scoccare la freccia, per ampliare l’effetto pensò di aggiungere altre corde creando così l’arpa e tutti gli strumenti cordofoni. Senza nulla togliere all’origine divina con il dio Apollo precursore dei moderni liutai, la constatazione che la maggior parte delle arpe diffuse nell’antico Egitto fossero archi con più corde è evidente.
Evidente è pure la considerazione che questi popoli avevano per gli strumenti musicali, erano usati nelle case e nei palazzi, non mancavano nei templi dove l’uso era sacro e rappresentavano il complemento di ogni dinastia regnante.
Tornando alle pitture rupestri preistoriche è da segnalare le recente scoperta di un interessante reperto segnalato nella grotta di Rabich in Bulgaria. Tra le varie figure con strumenti trova evidenza un tamburo suonato a due mani e un arco suonato, secondo la teoria del musicologo bulgaro Georgi Yantarski, da un arco più piccolo. Se così fosse l’apparizione dell’archetto considerata dell’ottavo secolo della nostra era sarebbe da collocare in epoca preistorica.

Allegato:
foto 54 copia (800x476).jpg
foto 54 copia (800x476).jpg [ 237.98 KiB | Osservato 2839 volte ]


La cura costruttiva degli antichi egizi per gli strumenti musicali e la loro minuziosa precisione nel raffigurarli ci ha permesso di capire l’importanza rivestita dalla musica presso quel nobile popolo. L’arpa era uno strumento tenuto in massima considerazione e in molte raffigurazioni, come la pittura murale della tomba di Nakht, necropoli tebana, Nuovo Impero, 1425-1405 a.C. la forma richiama un arco munito di più corde.
Pure lo strumento dell’arpista di Ramsete III (a destra) dipinto nella necropoli tebana nel 1166 a.C. richiama un arco con più corde anche se molto evoluto.

Gli archi musicali si possono sostanzialmente dividere in due categorie: con risuonatore o senza, cioè allo stato naturale.

Allegato:
foto 58 copia (800x621).jpg
foto 58 copia (800x621).jpg [ 219.49 KiB | Osservato 2839 volte ]


Praticamente l’uso massiccio di questi strumenti e dei loro derivati non si è mai fermato nel tempo e si trovano anche modelli popolari come il Bumbass tedesco risalente al XVII secolo ma ancora in uso.
Una delle tecniche più diffuse per suonare l’arco musicale è quella di usare la bocca come risuonatore per ottenere diverse sfumature sonore.
Nel nostro paese gli artisti della commedia dell’arte, i musicisti di strada e i personaggi caratteristici usano l’arco musicale soprattutto percuotendo la corda con un bastoncino per sottolineare i passaggi declamati o per ritmare il canto.
Quasi sempre si tratta di un arco musicale munito di risuonatore, l’effetto scenico in ogni caso è sempre assicurato.
Vista la semplicità e la varietà di forme dello strumento non darò nessuna indicazione costruttiva perché sicuramente ognuno è in grado di far da sé, ho solo voluto porre all’attenzione un oggetto, pertinente anche al panorama musicale, che pur avendo sempre sotto agli occhi rischia di passare inosservato.

Allegato:
foto 66 (448x640) copia (800x357).jpg
foto 66 (448x640) copia (800x357).jpg [ 161.02 KiB | Osservato 2839 volte ]



La mostra del cinema di Cannes 2005 comprendeva un film intitolato: “L’Arco”. Allego due locandine per meglio inquadrare lo strumento.

Cordialità - Pietro -

Al tema segue la discussione:

1 - fabiodm
Bello , l'arco ma da come lo suonano in queste due ultime foto sembra quasi che faccino degli assoli .
Ma con gli archi si modulano anche le note?
Forse modificando la tensione della corda mi pare.
Scusa la mia ignioranza ma non ne o mai sentito uno.


2 - Pietro
Caro Fabio, cercherò come sempre di rispondere con ordine.
1°- Suonano in assolo nel senso che non ci sono altri musicisti, un po' come quando tu suoni per te stesso la tua bella ghironda. Non dimenticare comunque che sono due immagini di locandine del film.
2°- Nell'arco musicale le note si modulano anche tendendo la corda, è comunque uno strumento antichissimo diffuso in ogni posto del mondo, ma noi purtroppo non ne conosciamo i molteplici usi in modo approfondito.
3° - Nel film in questine lo strumento si sente, ma è un caso raro. Purtroppo i mezzi cosidetti di "informazione" non fanno cultura a 360° e per quanto mi riguarda devo dire che l'ultima volta che ho sentito l'arco musicale in televisione è stato un paio di decenni fa con Renzo Arbore che presentava in un suo programma l'artista nativo-americana Butty Saint Marie. Lo strumento usato da personaggi caratteristici come: "El Torototela" di Cartura (PD) visto anche alla Corrida televisiva del compianto Corrado, è invece più consueto, ma bisogna frequentare le piazze in epoca carnevalesca o in occasioni di manifestazioni popolari.


3 - ulisse
Uffa! io non sono capace di postare i link però se andate su you tube e digitate "torototela" resterete stupiti!


4 - fabiodm
Ecco qua

http://www.youtube.com/watch?v=6_M_y9QVZ5c


5 - Pietro
Questa poi... Se aggiungiamo che anche una tipica macchietta veronese è conosciuta come El Torototela...


6 - fabiodm
Certo che questi strumenti arcaici incutono molta curiosita e fascino ed è molto bello vederli ritornare nei concerti italiani.


7 - Pietro
Per completare l'argomento trattato un PDF più esaustivo e completo soprattutto come immagini penso sia utile da consultare per tutti gli utenti che sono interessati particolarmente all'arco musicale e a tutte le sue derivazioni passate, presenti e future.
https://app.box.com/s/fahw30cfqwsogreqzkig

8 - giacomo.guadagna
Nemmeno quando ho preparato "Organologia e storia degli strumenti musicali", ho trovato tutte queste informazioni sull'arco musicale!!


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La discussione si può naturalmente integrare.

Cordialità - Pietro -


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010